Serie B, 5^giornata: l’Empoli prova la fuga, Palermo di nuovo ko, Brescia e Padova in crisi

Il campionato di serie B inizia a tingersi di azzurro. E’ appena la quinta giornata, vero, ma l’Empoli appare davvero un rullo compressore in grado di mangiarsi il campionato.

I toscani, quattro vittorie in cinque incontri, hanno battuto ieri in rimonta il Padova per 3-1, mostrando carattere e personalità oltre alle evidenti doti tecniche; ora i punti di vantaggio sulle seconde salgono a 4, mica male. Malissimo, viceversa, proprio il Padova che ha rimediato quattro sconfitte in altrettante partite giocate (si attende sempre di sapere come finirà la vicenda legata alla gara da recuperare in casa del Carpi) e non accenna a manifestare alcun segno di vita. Per il tecnico Marcolin la sfida di martedì contro il Latina rappresenterà probabilmente la classica ultima spiaggia, in poche parole o vince o salta.

Alle spalle della capolista Empoli ci sono appaiate Cesena e Lanciano. I romagnoli hanno travolto in casa il Carpi con un perentorio 4-1, mentre gli abruzzesi, sempre imbattuti, si sono accontentati del pareggio a reti bianche di venerdì sera a Latina al cospetto di una formazione, quella laziale appunto, ancora a secco di successi. Posizioni di vertice anche per Avellino e Varese, 1-1 nello scontro diretto del Partenio in una bella partita, ma anche per il Novara, rimontato a Reggio Calabria da una squadra ancora in convalescenza, e per Modena e Trapani che si sono affrontate in Emilia dove ha prevalso la compagine di casa vincendo per 3-1 e determinando la prima sconfitta dei siciliani in campionato. Finisce ancora ko il Palermo, battuto per 1-0 a La Spezia ed agganciato in classifica proprio dai liguri; tempi ancora duri per Gattuso, mentre Stroppa, grazie a questo successo, dà una poderosa rinsaldata alla sua panchina. Sullo stesso piano c’è il Crotone che piazza il colpo di giornata andando ad espugnare a sorpresa il Rigamonti di Brescia (1-2)  gettando nello sconforto i lombardi, illusi dalla vittoria di lunedì scorso a Terni, e provocando la durissima contestazione dei tifosi bresciani che hanno chiesto la testa del tecnico Giampaolo che per ora resta invece al suo posto. Si spartiscono la posta Siena e Ternana pareggiando per 1-1 in Toscana e rimanendo in zone medie di classifica, anche se il Siena viaggia col pesante fardello di 3 punti di penalizzazione senza i quali sgomiterebbe nei piani altissimi della graduatoria. Male anche il Pescara, battuto in casa dal Bari ed ancora incapace di mostrare al campionato come recitare il ruolo da protagonista che le è stato giustamente assegnato; bravi i pugliesi a raccogliere il secondo successo consecutivo e a risollevare la loro classifica, anche in questo caso handicappata dalla penalizzazione di 3 punti. Prima vittoria per la Juve Stabia che sbanca Cittadella ed abbandona l’ultimo posto, ora occupato dal solo Padova. Per il Cittadella l’ennesima dimostrazione che in serie B l’attacco conta parecchio e quando non si hanno sufficienti bocche da fuoco, i risultati arrivano col contagocce.

Martedì si torna in campo per il turno infrasettimanale nel quale spicca il derby del sud fra Bari e Palermo, quello toscano fra la capolista Empoli e il Siena, e un Pescara-Avellino che promette scintille.

Marco Milan

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *