Serie B, 3^ giornata: Empoli ed Avellino in testa, risorge il Palermo. Blitz esterni di Varese, Carpi e Lanciano

La terza giornata di serie B registra la resurrezione del Palermo, favorita numero uno per la vittoria finale del campionato. I siciliani di Gattuso, dopo un solo punto conquistato nei primi due turni, hanno fornito una gran prova di forza sbancando l’Euganeo di Padova con un chiaro 3-0. Gattuso rinsalda la panchina, mentre il suo collega patavino Marcolin, due sconfitte in altrettante gare giocate per i veneti e zero gol all’attivo, sente vacillare la sua posizione.

Al comando della classifica ci sono due squadre: l’Empoli e l’Avellino, entrambe a quota 7 punti. I toscani sono stati raggiunti sul pareggio in casa dalla matricola terribile Trapani, ma possono accontentarsi per un inizio di campionato che sta rispettando le attese; gli irpini hanno superato di misura al Partenio una buona Ternana e tornano in testa al campionato cadetto dopo quasi 30 anni. Al secondo posto resta il Cesena, sconfitto in casa dal Lanciano, autore di uno dei quattro colpi esterni di giornata. Le altre formazioni corsare, oltre al già citato Palermo, sono state il Carpi (sorprendente 2-0 a La Spezia che certifica la prima storica vittoria degli emiliani in serie B) e il Varese (perentorio 3-0 in casa di uno sperduto Latina). Si blocca il Pescara, acciuffato sul 2-2 casalingo da un Crotone coriaceo che va a prendersi il primo punto stagionale. Bene Modena e Reggina che in casa regolano rispettivamente il Cittadella e la Juve Stabia, campani inchiodati ancora a zero punti, non ultimi soltanto perchè in fondo alla classifica c’è il Bari, penalizzato di tre punti ad inizio torneo ed ancora alle prese col recupero del segno meno dopo la sconfitta per 3-2 rimediata a Siena in casa di una compagine che sembra aver preso subito confidenza col torneo cadetto e si candida come protagonista del campionato. Stesso obiettivo che hanno anche Brescia e Novara, partite però col freno a mano tirato e protagoniste di un 1-1 nello scontro diretto, poco utile per la loro classifica. Detto che la classifica dopo tre giornate va presa per quella che è, ovvero è meno di un antipasto nel ricco banchetto che condurrà alla torta della serie A, qualche aspetto si può già analizzare: le crisi di Padova e Spezia, ad esempio, sono evidenti; due squadre allestite per agguantare quantomeno i playoff e perenni protagoniste del classico vorrei ma proprio non ci riesco. Grandi encomi, invece, vanno fatti a due neopromosse: l’Avellino di Rastelli, testa della classifica a parte, si è finora dimostrato compatto ed affidabile; il Trapani, esordiente assoluto in B, ha dapprima maramaldeggiato a Padova, poi con un po’ di fortuna ha evitato la sconfitta contro la corazzata Pescara, infine ha rimediato un pareggio anche sul campo dell’Empoli primo in classifica. Niente male.

Scorrendo l’elenco delle partite del prossimo turno, spiccano Palermo-Cesena, Novara-Padova (si svegli chi può) e Varese-Pescara.

di Marco Milan

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *