Moto Gp. Silverstone, il guizzo del campione del mondo. Lorenzo regola Marquez in uno scontro epico

Biaggi – Rossi, Rossi – Gibernau e Rossi – Stoner? Da ieri gli appassionati di motociclismo avranno altri duelli leggendari da rivedere su youtube. Perché lo spettacolo si rinnova a Silverstone per il gran premio d’Inghilterra dove i due campioni spagnoli, Marc Marquez e Jorge Lorenzo, hanno dato vita ad un duello che entrerà di merito negli annali  della motoGP.

Dopo l’ottima anticipazione gustata a Jerez de la Frontera, quando il rookie della Honda con una spallata all’ultima curva andò a vincere la gara sul maiorchino della Yamaha, a Silverstone il campione del mondo è artefice di una prestazione perfetta,  resiste per ben due volte agli attacchi di Marquez e di forza porta a casa la vittoria che riapre il mondiale. A completare l’ultimo gradino del podio è Dani Pedrosa che può solo assistere allo spettacolo che si trova davanti: essendo partito non bene, consuma le gomme nel tentativo di ricucire il gap con i connazionali ma a ricongiungimento avvenuto non ha più la forza di giocarsi la vittoria. Bene Valentino Rossi, dopo una ottima partenza che lo porta in terza posizione si lascia rimontare dagli hondisti Bautista e Bradle. Ma come è ormai consuetudine il dottore migliora la prestazione negli ultimi giri quando riesce ad emulare i tempi dei primi e si aggiudica dunque la quarta posizione al traguardo dopo una bagarre all’ultima curva con Bautista che sta diventando altrettanto abitudinaria.

Corsa epica a Silvertone dunque, che però non inizia con le migliori prospettive: il fenomeno della Honda cade nel warm up, si lussa una spalla e mette in serio rischio la sua partecipazione alla gara. Grande lavoro per la  clinica mobile e il dott. Costa che rimettono in sesto Marquez, qualche antinfiammatorio e il giovane campione sembra non risentire in gara dell’infortunio subito qualche ora prima. I due spagnoli scattano al via e prendono un secondo di distanza sugli inseguitori dopo tre curve, lasciando presagire che anche a Silverstone sarà una faccenda tra loro due. È Lorenzo a fare il passo ma Marquez non molla un decimo e rimbalzano i tempi veloci in pista tra i due spagnoli. A tre giri dalla fine Marquez decide di tentare il sorpasso e Lorenzo gli risponde ma la bagarre è tutta rimandata all’ultima curva quando il numero 93 della Honda prova nuovamente a sorpassare il 99 della Yamaha, ma la traiettoria è leggermente larga e Lorenzo si ributta stoicamente dentro tenendo perfettamente il cordolo ed è lui ad uscire per primo dalla chicane che immette sul rettilineo e a vincere la corsa.

Non ci è dato sapere però come sarebbe finito lo scontro se Marquez fosse stato in forma ottimale, “faticavo un po’ nei cambi di direzione ma mi sono divertito nella bagarre” dichiarerà al termine della corsa lo spagnolo. Questo non toglie però nulla all’epica gara di Lorenzo, che tira fuori a Silversone la stoffa del campione del mondo in carica, torna alla vittoria e regola il baby fenomeno. Lo scontro è solo rimandato fra due settimane a Misano, quando la Yamaha godrà di miglioramenti tecnici come il nuovo cambio Seamless che già equipaggia da tempo Honda e Ducati. Intanto la Yamaha ha saputo correre ai ripari migliorando almeno negli aspetti in cui era per il momento possibile migliorare: la M1 di Lorenzo era infatti ieri irresistibile in staccata, ma la Honda di Marquez gli si rifaceva sotto in accelerazione e resta sempre la moto da battere.

Marquez rimane primo in classica mondiale con trenta punti di vantaggio su Pedrosa e quaranta su Lorenzo. Delusione per Pedrosa che ieri  ha dimostrato ancora una volta di avere tutte le carte in regola per vincere (compresa la moto più forte) ma ancora una volta non è lui a salire sul gradino più alto del podio. Dani si giocherà tutto nel gran premio di Misano, se non riuscirà a vincere neanche in Italia sarebbe psicologicamente sovrastato da Marquez e Lorenzo. Auspicando per lo spettacolo che Pedrosa entri in bagarre al più presto (e magari anche un ritrovato Valentino Rossi), gli appassionati delle moto possono godersi il duello tra il pilota più talentuoso Marc Marquez e quello più completo, il campione del mondo Jorge Lorenzo.

di Andrea Lorenzini 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *