Moto GP. Gran premio di Catalogna, vince Lorenzo. Valentino furioso

Print Friendly, PDF & Email
Read Time1 Minute, 51 Seconds

E’ terminato anche questo week-end di corse sui bolidi della moto Gp, che hanno corso in Spagna sul Circuit de Catalunya. Il gran premio di domenica non ha riservato chissà quali sorprese, Lorenzo sulla sua Yamaha sembra sempre più solido e si sta avvicinando minacciosamente al leader del motomondiale Dani Pedrosa che ha visto il suo vantaggio ridursi a soli 7 punti di distacco sul connazionale. Pedrosa si è un po’ rammaricato per la prestazione, andando soprattutto a lamentare la possibilità di tenere un passo di gara adeguato, e così come aveva già detto Lorenzo, sottolineando l’importanza delle gomme specialmente in periodi di forte calura, dove la mescola morbida sembra presentare dei problemi per la guidabilità, soprattutto in casa Honda vista l’ottima gara corsa dal connazionale su Yamaha.

Altra storia quella che riguarda il giovane talento Marc Marquez, probabilmente in pochi all’inizio del campionato avrebbero scommesso sul talentuoso pilota spagnolo che invece sta dando del filo da torcere ai vecchietti. Anche in questo week end è riuscito a centrare il podio anche se salendo sul gradino più basso.

Marquez non si accontenta dei risultati, la maturità espressa nelle interviste, in cui non si vergogna di sottolineare la sua inesperienza e nelle quali si esalta pensando a quanto abbia da imparare e a quanto impari gara per gara, un esempio è il sorpasso tentato su Pedrosa a due giri dalla fine che può darci un’idea di cosa intendiamo con inesperienza.

Rossi chiude in quarta posizione, avvicinandosi ai big di questa stagione, senza però impensierirli come si poteva immaginare dal momento del suo ritorno in Yamaha; in conferenza rilascia parole al vetriolo su Bautista, protagonista anche oggi di un incidente in gara che ha nuovamente coinvolto il centauro di Tavullia, il quale non ha gradito affatto e si è lasciato andare a dichiarazioni che poco hanno a che vedere con un pilota trentenne e pluricampione del mondo (“Non vorrei esprimere commenti su Bautista perché sarebbero parolacce”).

Malissimo la Ducati che proprio non va, Dovizioso ha sentenziato che il nuovo telaio non è sufficiente per stare al passo con le moto nipponiche e che, se non arriveranno innovazioni consistenti, la musica non è destinata a cambiare.

Il prossimo appuntamento sul circuito olandese di Hassen il 29 giugno.

di Francesco Galati

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles