Tennis. Wta di Madrid, Serena Williams regina di Spagna

Mentre siamo già al secondo giorno degli internazionali di tennis di Roma ieri si concludeva il torneo di Madrid la finale maschile ha visto trionfare Rafa Nadal su Wawrinka mentre la finale femminile di cui vedremo il dettaglio ha regalato il titolo e il ricco prize money (4 milioni di euro) a Serena Williams.

Veniamo alla finale femminile, l’incontro era un classico dove la numero 1 del mondo Serena Williams si trovava a dover difendere titolo e ranking contro la numero 2 Maria Sharapova.
La Williams riesce facilmente nell’impresa, imponendosi con un secco 6-1 6-4 contro la regina di Russia, riuscendo così a centrare con una sola vittoria ben quattro obiettivi. Il primo riguarda la difesa del titolo sulla terra rossa (l’anno scorso blu) di Madrid, il secondo riguarda il mantenimento della prima posizione nel ranking WTA, il terzo è il mantenimento di un’imbattibilità che dura da 12 match su 15 nei confronti della russa, il quarto riguarda la conquista del 50esimo titolo nella carriera delle piccola delle sorelle Williams.

Il percorso che ha portato le due tenniste alla finale del torneo di Madrid è stato differente, la Williams ha dovuto faticare un pochino (solo nel primo set) contro la nostra Sara Errani, vincendo col parziale di 7-5  6-2;  mentre la Sharapova aveva passeggiato contro la serba Ana Ivanovic con un risultato finale di 6-4 6-3.

La performance di oggi ha posto l’accento su quello che potremmo definire un dato di fatto: quando Serena Williams riesce a entrare in campo sia con la testa sia soprattutto con il fisico è quasi imbattibile.
Malgrado l’ottimo tennis espresso durante tutto il torneo dalla numero 2 del mondo che sembrava vicina all’interrompere la brutta serie negativa contro Serena strappandole il primo posto nel ranking non c’è stata storia e la prestanza dell’americana ha sopraffatto senza apparente difficoltà l’avversaria russa. Aspettiamo ora di vedere se il duello si riproporrà anche agli internazionali di Roma.

Francesco Galati

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *