Tennis, a Barcellona trionfa Nadal. Almagro sconfitto 6-4 6-3

Print Friendly, PDF & Email
Read Time1 Minute, 54 Seconds

Rafael Nadal continua il suo cammino verso la riconquista della miglior condizione e le primissime posizioni del ranking, lo fa in modo convincente, continuando a vincere.

I risultati sono quello che per un campione come lui conta di più e allora ecco un altro torneo da aggiungere alla sua già pienissima bacheca. Battendo in finale il connazionale Nicolas Almagro il maiorchino si è aggiudicato il suo ottavo Master 500 di Barcellona, un torneo in cui non perde un set da cinque anni ed è imbattuto da dieci, numeri impressionanti. La finale contro Almagro non è stata però una partita semplice. Grande partenza dello spagnolo di Murcia, numero 4 del tabellone, 12 del mondo, che in pochi minuti si è trovato in vantaggio per 3-0 con un Nadal che sembrava dover ancora uscire dagli spogliatoi. Dopo aver realizzato di essere in campo a giocarsi un’importante finale Rafael ha cominciato a liberare il braccio mostrando agli spettatori la sua potenza e le sue rotazioni. In poco tempo si è rimesso in carreggiata e con un parziale di 5 giochi a 1 si è aggiudicato la prima frazione di gara per 6-4. Almagro ha accusato il duro colpo della rimonta subita e nel corso del secondo set non ha mai dato l’impressione di credere alla possibilità di arrivare al terzo per poi giocarsi il tutto per tutto. Nadal invece è apparso molto più rilassato e concentrato fin dall’inizio del set, non ha lasciato scappare il suo avversario come accaduto nella prima partita e tutto è sembrato più semplice. Break in suo favore al terzo game e vantaggio da amministrare. Un compito che il mancino di Maiorca non ha faticato a portare a termine aggiudicandosi anche il secondo set con il punteggio di 6-3.

Per Nadal si tratta del 54esimo titolo ATP della carriera, è la quarta finale vinta nel 2013 dopo i successi di San Paolo, Acapulco ed Indian Wells. Due invece sono le finali che ha perso quest’anno, quella di Vina del Mar, al primo torneo dopo il lunghissimo stop, e quella di una settimana fa a Montecarlo dove a giustiziarlo fu Novak Djokovic, assente a Barcellona. Insomma i numeri cominciano a dargli ragione, ma sarà proprio nel corso delle prossime settimane che la stagione sul “rosso” entrerà veramente nel vivo. Madrid, Roma e infine Parigi saranno il vero banco di prova per l’ex numero uno al mondo.

Giovanni Fabbri

0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles