Serie B. Pareggia il Sassuolo, volano Verona e Livorno. Mazzarani fa felice Novellino

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minute, 15 Second

 di Marco Milan

Ormai è chiaro: il Sassuolo conta i giorni (e le giornate) che lo separano dalla promozione. Gli emiliani di Di Francesco stanno dosando le energie, dando un’occhiata al vantaggio sul terzo posto e un’altra alle partite che mancano alla fine del campionato. Si spiega così il pareggio casalingo a reti inviolate dei neroverdi contro la quasi tranquilla Ternana. Uno 0-0 che a conti fatti può accontentare entrambi.

Alle spalle del Sassuolo è sempre accesissimo lo scontro a distanza fra Verona e Livorno, appaiate al secondo posto ma con i veneti virtualmente avanti per via del confronto diretto favorevole. Che fatica però per la squadra di Mandorlini liberarsi del pericolante Crotone; l’impresa è di quelle che possono valere un campionato: sotto per 2-0, gli scaligeri si scatenano dal 60′ al 68′ capovolgendo il risultato grazie alla doppietta di Cacia e al sigillo finale di Sgrigna. Entusiasmo a mille al Bentegodi. Più agevole la vittoria del Livorno che regola all’Ardenza il Lanciano per 2-0.

Resta saldo in quarta posizione l’Empoli nonostante la sconfitta al Castellani contro un Bari rinato che a questo punto mette nel mirino la salvezza diretta senza passare per le insidie dello spareggio. Si salva nel finale il Varese a Vicenza grazie al pareggio in extremis del difensore Pucino, autore di una rete che gela i vicentini, terz’ultimi e con quattro lunghezze da recuperare sulla zona playout. Butta via un’occasione il Brescia, due volte raggiunto in casa dal Cittadella, mentre il Padova è autore dell’ennesimo flop: all’Euganeo passa anche il Modena in virtù del gol di Mazzarani nel finale, rendendo infruttuoso il ritorno di Pea sulla panchina dei biancoscudati. Walter Novellino, alla prima alla guida dei modenesi, invece, può brindare al buon inizio di avventura.

Si allontana dai playoff la Juve Stabia, sconfitta a Reggio Calabria (due su due per Pillon da quando è al timone degli amaranto), ci si avvicina di prepotenza il Novara che regola in casa il nuovo Ascoli di Pergolizzi, invischiato nella palude della bassa classifica da cui riemerge il Cesena, corsaro a Grosseto contro una squadra il cui film della serie B è giunto ai titoli di coda. In rialzo le azioni della Pro Vercelli, capace di andare a vincere in quel di La Spezia e di poter così credere ancora in una pazzesca rimonta, tuttavia ancora estremamente ardua da realizzare. Lo Spezia, invece, appare sempre più terrorizzato anche dalla propria ombra e l’incubo di una retrocessione impensabile dopo la sontuosa campagna acquisti estiva, sta via via sinistramente prendendo la forma di un sogno premonitore.

Si torna in campo mercoledì e giovedì per il turno di Pasqua: Sassuolo – Verona appare un boccone persino più succulento del classico agnello pasquale.

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles