Formula Uno. Trionfo di Raikkonen davanti ad Alonso e Vettel, poi Massa

Print Friendly, PDF & Email
Read Time2 Minutes, 24 Seconds

di Marco Milan

lotusE’ la Lotus a brindare nel Gran Premio inaugurale del mondiale 2013 di Formula 1 in Australia. Kimi Raikkonen si aggiudica la prima corsa dell’anno precedendo la Ferrari di Alonso e la Red Bull del campione del mondo in carica Vettel, partito anche il pole position. Quarto posto per un discreto Felipe Massa con l’altra Ferrari, quinto Hamilton che ottiene un buon risultato nonostante qualche problemino tecnico della sua Mercedes. Alla fine possiamo dire che sono quasi tutti contenti: Raikkonen ovviamente per la vittoria (la ventesima in carriera per il finlandese), ottenuta dopo una bella rimonta dal settimo posto di partenza in griglia, Alonso perché valuta il risultato in proporzione alle potenzialità della sua macchina e vede il bicchiere mezzo pieno soprattutto per aver aver messo sul traguardo le ruote della Ferrari prima di quelle della Red Bull; Vettel può dirsi sufficientemente tranquillo perché la Red Bull in prova è stata la vettura più veloce, perché al via è schizzato come un razzo dalla pole e perché l’unico inconveniente ha riguardato le gomme, un problema che in Red Bull è giusto che si pongano, ma che non scalfisce di una virgola la potenza della monoposto che resta la favorita d’obbligo del campionato. Il film della corsa si spiega in pratica qui: Raikkonen conquista il primo posto perché si ferma ai box una volta in meno dei suoi avversari (2 soste per il pilota della Lotus, 3 per gli altri) e poi è bravo a contenere la rimonta di Alonso tenendolo dietro con la sua esperienza e la sua freddezza nei momenti cruciali, lo spagnolo tenta il sorpasso a furia di giri veloci, ma alla fine si accontenta della piazza d’onore, impensabile all’alba di domenica. Un plauso va anche a Lewis Hamilton, tenace con una Mercedes ancora balbettante, ancora tecnicamente insicura. Anonime invece le prestazioni di Webber (6°), di Button (9°) e di Grosjean con l’altra Lotus (10°) che quantomeno stavolta non ha attentato alla vita di nessun collega. Buono il ritorno in Formula 1 di Adrian Sutil che ha portato la sua Force India al settimo posto; da rivedere Perez, solo 11° all’esordio con la McLaren, e Rosberg che si è ritirato denunciando problemi tecnici della sua Mercedes.

Al termine della corsa Raikkonen si conferma uomo di ghiaccio anche nelle dichiarazioni, affermando col suo tono laconico, quasi annoiato, che non si è divertito affatto a tenere Alonso dietro di sé, ma che è comunque soddisfatto del risultato (e meno male), mentre Vettel si dichiara tranquillo, ma, questo è certo, ha capito già dalla prima gara che la concorrenza è sin troppo agguerrita. Non solo Alonso dunque a rincorrere il tedesco della Red Bull; in attesa di segnali confortanti da McLaren e Mercedes, la Lotus si candida prepotentemente al ruolo di guastafeste, di terzo incomodo, e si sa che spesso tra i due litiganti è il terzo a godere di più. Chissà….

diritti foto:

AttribuzioneCondividi allo stesso modo Alcuni diritti riservati a nic_r
0 0

About Post Author

0 %
Happy
0 %
Sad
0 %
Excited
0 %
Angry
0 %
Surprise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Social profiles