Serie B, playoff: fa festa il Frosinone, Palermo battuto

L’ultima festa la fa il Frosinone che al fotofinish batte il Palermo nella finale playoff della serie B e riconquista la serie A dopo due stagioni e due beffe clamorose. Delusione per i siciliani, convinti di poter acciuffare la promozione ma costretti il prossimo anno a giocare ancora nel campionato cadetto.

Frosinone in serie A al termine di un campionato soffertissimo con la promozione diretta svanita all’ultimo minuto della gara col Foggia e che andava a sommarsi alla beffa dell’anno precedente con l’eliminazione dalla semifinale playoff col Carpi in 11 contro 9. Stavolta gli uomini di Longo hanno tenuto fino alla fine, la gara di andata a Palermo persa di misura 2-1 e solo a causa di un’autorete, quella di ritorno gestita al meglio dai ciociari nonostante un nervosismo da ambo le parti, palbabile sin dai primi minuti di gioco. Il bellissimo gol di Maiello ad inizio ripresa che sblocca la partita, la sofferenza finale con qualche scaramuccia di troppo e la panchina del Frosinone che perde la testa lanciando in campo diversi palloni per interrompere il gioco; infine il raddoppio di Camillo Ciano al 96′ che decreta il ritorno in serie A del Frosinone e la delusione di un Palermo inconcludente e poco in partita nella gara dello Stirpe, epilogo di una stagione al di sotto delle attese per la compagine siciliana. Il Frosinone raggiunge così Empoli e Parma in A, acciuffando un traguardo che dopo la gara col Foggia sembrava ormai sfumato.

Grande festa anche a Cosenza per il ritorno in serie B della formazione calabrese dopo 15 anni di attesa e ben 45 partite stagionali fra campionato e spareggi. I rossoblu di Piero Braglia (specialista in promozioni dalla serie C, quarta dopo quelle a Catanzaro, Pisa e Castellammare di Stabia) sconfiggono 3-1 il Siena nella finale playoff della terza serie giocata a Pescara davanti a 10.000 sostenitori cosentini e riabbracciano la serie cadetta andando a far compagnia alle già promosse Livorno, Padova e Lecce.

di Marco Milan

Lascia un commento

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS