Formula 1, Inghilterra: Hamilton e la Mercedes in trionfo, campionato riaperto

Un Lewis Hamilton incontenibile domina il gran premio d’Inghilterra dopo la pole position del sabato, conquista il suo quinto successo nella gara di casa (come Jim Clark), il quarto di fila e soprattutto accorcia in classifica su Sebastian Vettel, ora distante solo un punto.

DISTANZE AZZERATE – Sulla corsa di Hamilton c’è poco da dire: scattato davanti, l’inglese ha mantenuto la posizione e non l’ha più lasciata sino alla fine, disinteressandosi di quanto accadesse alle sue spalle e ritrovandosi al termine della gara con un sol punto da recuperare in classifica su Sebastian Vettel, settimo a Silverstone e con una foratura dettata dal degrado delle gomme proprio sul filo di lana. Ora il campionato è riaperto, Hamilton ha riconquistato fiducia ed autostima, mentre Vettel appare in calo e in Inghilterra è stato pure parecchio sfortunato, col podio a portata di mano e la foratura finale che lo ha costretto ad una sosta imprevista che lo ha relegato lontano dai primi.

DOPPIETTA E PODIO – Inconvenienti dei quali ha approfittato Valtteri Bottas che dopo la penalità di 5 posizioni per la sostituzione del cambio e la conseguente partenza dal nono posto della griglia, ha attaccato per tutta la gara andandosi a prendere podio e secondo posto, completando una splendida doppietta per una rinata Mercedes. Sul podio finisce anche Kimi Raikkonen, terzo ed anche lui con una foratura a due giri dalla fine che gli ha tolto il secondo posto, confermando che il finlandese quando c’è da pagare dazio alla sfortuna non si tira mai indietro.

CAPOLAVORO – E’ della Red Bull, oltre ovviamente alla Mercedes, l’impresa di giornata, soprattutto con Daniel Ricciardo, partito dall’ultima fila e in grado di recuperare fino alla quinta posizione grazie a sorpassi a raffica, a dimostrazione che la monoposto austriaca ha ritrovato velocità e solidità dei tempi migliori. Bravissimo l’australiano, ma complimenti pure a Max Verstappen, quarto dopo un periodo terribile con 5 ritiri nelle precedenti 7 gare, e in grado invece a Silverstone di battagliare con grinta ed arroganza con le due Ferrari, soprattutto con Vettel, tenuto dietro in un duello nel quale i due campioni non si sono per nulla risparmiati. Nota di merito anche per Nico Hulkenberg che con la sua Renault ha chiuso al sesto posto, prendendosi punti importanti per la classifica e per il morale.

FOLLIA – Entrambi i piloti della Toro Rosso, invece, hanno nuovamente giocato all’autoscontro con Kvyat che al primo giro ha speronato il compagno di scuderia Sainz, costringendolo al ritiro, facendo entrare subito la Safety Car e beccandosi pure un drive through. La sensazione è che tutti e due siano nervosissimi e che entrambi rischino di non terminare la loro stagione, soprattutto il russo sul quale pende fortissimo il macigno della sostituzione a campionato in corso, con il giovane rampante Gasly pronto a prenderne il posto.

RESOCONTO: 1. Hamilton (Mercedes); 2. Bottas (Mercedes); 3. Raikkonen (Ferrari); 4. Verstappen (Red Bull); 5. Ricciardo (Red Bull); 6. Hulkenberg (Renault); 7. Vettel (Ferrari); 8. Ocon (Force India); 9. Perez (Force India); 10. Massa (Williams).

CLASSIFICA: 1. Vettel 177; 2. Hamilton 176; 3. Bottas 154.

di Marco Milan

Lascia un commento

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS