Serie B, 31.ma giornata: la Spal non si ferma più, il Frosinone si mantiene in scia e il Verona arranca

Continua a volare la Spal, sempre più proiettata verso una promozione tanto inattesa quanto meritata, perchè la squadra di Semplici dopo 31 giornate guida saldamente il campionato di serie B ed acquisisce consapevolezza, maturità e sicurezza settimana dopo settimana.

A Carpi, i ferraresi hanno dominato in lungo e in largo coi soliti gol di Floccari (7 in 10 partite) ed Antenucci: un 4-1 chiaro ed inequivocabile che lascia i biancazzurri primi con 2 punti sul Frosinone e 4 sul Verona. I ciociari tengono il passo strapazzando 3-0 il Vicenza con tripletta di Dionisi, mentre i veneti arrancano ancora senza Pazzini pareggiando al 94′ in casa della Pro Vercelli, andata per prima in vantaggio con Rolando Bianchi. Al quarto posto della classifica c’è sempre il Benevento, uscito però sconfitto dallo scontro diretto di Perugia (3-1) con gli umbri ora ad un solo punto dai campani dopo aver scavalcato anche il Bari che è clamorosamente crollato 4-0 a Trapani in casa di quella che all’inizio del turno era l’ultima della classe; una sconfitta roboante, inaspettata e che conferma come i pugliesi di Colantuono non siano ancora pronti per sognare troppo in grande. In zona playoff resiste anche lo Spezia, nonostante il pari in rimonta subìto a Brescia, alla pari del Novara, in vantaggio ad Avellino e poi ripreso dagli iripini; nel posticipo del lunedì contro la Salernitana ha così l’occasione per riavvicinarsi agli spareggi promozione l’Entella che vincendo aggancerebbe al sesto posto il Bari. Si allontana invece il Cittadella, sconfitto in casa di un ritrovato Ascoli che è ormai ad un passo dalla salvezza, così come anche l’Avellino, mentre in zona retrocessione la bagarre è ancora intensa: passi importanti li compiono il Cesena, che batte la Ternana ora ultima da sola, ed il Trapani che pur penultimo torna in gioco, così come il Brescia che al debutto di Cagni in panchina muove la classifica e riacquista morale. L’1-1 nel confronto diretto fra Pisa e Latina, invece, non risolve i problemi delle due squadre, entrambe gravate da una possibile penalizzazione (in particolare i laziali) ed entrambe pienamente invischiate in zona playout, alla pari del Vicenza e della stessa Pro Vercelli che, non si fosse fatta rimonatare dal Verona in pieno recupero, si troverebbe oggi a debita distanza dal baratro.

Ai box Pazzini (Verona) che resta comunque capocannoniere del campionato con 19 reti, seguito da Caputo (Entella) a 14 e da Dionisi (Frosinone) che con la sua tripletta sale a quota 13, mentre a 12 c’è il gruppo formato da Antenucci (Spal), Coda (Salernitana), Di Carmine (Perugia), Ceravolo (Benevento) e Litteri (Cittadella).

di Marco Milan

Lascia un commento

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS