Bracciano Accessibile: il turismo è per tutti

L’iniziativa firmata dall’associazione Access Emotion intende agevolare i percorsi turistici della città per le persone con disabilità nel segno della responsabilità e della condivisione. Tutti possono contribuire allo sviluppo del progetto fino al prossimo 30 marzo

Bracciano Accessibile: una dichiarazione di intenti che si è concretizzata in un progetto di valore. E’ questo, infatti, il nome dell’iniziativa promossa dall’associazione Access Emotion, nata per far conoscere a tutti i turisti le bellezze della cittadina situata nel cuore dell’Etruria meridionale, a nord di Roma.

Permettere alle persone con disabilità e con specifiche esigenze di usufruire dei servizi turistici locali: Bracciano Accessibile intende diffondere la cultura del territorio eliminando qualsiasi forma di barriera e rispondendo al“diritto a viaggiare” delle persone con disabilità sancito dall’ONU nel Codice Mondiale di Etica del Turismo.

Il tutto grazie al supporto fondamentale di Access Emotion, l’ associazione che ha lo scopo di promuovere il turismo accessibile e responsabile attraverso la valorizzazione del patrimonio artistico, storico e culturale del territorio. E, se il viaggio, la scoperta, la conoscenza costituiscono le leve principali delle emozioni, Access Emotion intende aprirle a tutti: accesso alle emozioni, questo il nome dell’associazione.

Per raggiungere gli obiettivi della propria mission, Access Emotion lavora concretamente per il superamento delle barriere architettoniche e culturali, anche attraverso le innovazioni della tecnologia. Tra i progetti portati avanti dall’associazione, infatti, c’è la creazione di una mappa interattiva capace di indicare il grado di accessibilità di una struttura,un luogo, un servizio o locale,così da fornire ai turisti in modo veloce e immediato informazioni essenziali per la passeggiata, l’uscita, il viaggio o la gita che stanno per compiere.

Nel caso del progetto Bracciano Accessibile, Access Emotion intende portare avanti una serie di attività per promuovere due valori complementari: la cultura di un turismo responsabile e l’integrazione delle persone con disabilità. Nello specifico, l’iniziativa in questione si propone di “mappare” i percorsi turistici accessibili e realizzare un’area informativa sul sito di Access Emotion e su quello del comune di Bracciano dove indicare tutti i servizi del territorio ai quali poter accedere senza difficoltà. Tuttavia, l’attività più interessante da un punto di vista sociale ed editoriale, è la creazione di una guida turistica che conterrà le informazioni essenziali per permettere all’utente di valutare in autonomia il livello di accessibilità di un luogo o un servizio, perchè concepita sul presupposto che il grado di disabilità è soggettivo. Il tutto per contribuire allo sviluppo della città di Bracciano che, attraverso tale progetto, potrà compiere un passo in avanti significativo da un punto di vista sociale, culturale ed educativo.

Bracciano Accessibile è un’iniziativa totalmente basata sullo spirito solidale della popolazione: il progetto partecipa, infatti, ad Aviva Community Fund, l’iniziativa benefica della compagnia assicurativa Aviva che offre un aiuto concreto alle organizzazioni non profit per realizzare buone idee sul territorio italiano. Tutti potranno contribuire, quindi, a rendere il comune romano più accessibile, sostenendo fino al 30 marzo l’iniziativa.

Oltre alla realizzazione degli obiettivi preposti, le attività previste dal progetto sarebbero certamente utili per incentivare un intervento risolutivo su un tema, quale quello del turismo accessibile, che rientra  in un ambito di diritto e rappresenta  un settore di mercato specifico. Secondo i dati emersi dal’ultima ricerca Doxa per Europcar, infatti,  il 16,4 % delle famiglie italiane in vacanza riscontrano problemi di accessibilità. Da un punto di vista pratico, si tratta di turisti che, se trovassero servizi adeguati, varrebbero 27,8 miliardi di euro (pari all’1,75% del PIL nazionale).

Bracciano Accessibile, dunque, è un tassello positivo all’interno di un mosaico frastagliato e incompleto, che necessita di un intervento attivo. L’augurio è che possano fiorire,accanto a quelle già presenti, altre iniziative in grado di promuovere i valori dell’integrazione, della responsabilità, della condivisione e dell’accessibilità.

(di Giulia Cara)

Fonte immagini: www.accessemotion.it

Lascia un commento

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS