Migrantes: aumentano i giovani italiani espatriati

 

Se nel 2014 l’Anagrafe degli italiani residenti all’estero ha contato 6.232 iscritti, nel 2015 sono stati 107.529 i connazionali espatriati, segnando un incremento del 6,2%. Tutti i dati offerti dalla Fondazione Migrantes

giovani-lavoro-640I giovani tra i 18 e i 34 anni (39.410, il 36,7% del totale) sono i protagonisti indiscussi di questo esodo di massa, ma tutte le classi di età hanno riportato un aumento delle partenze rispetto al 2014 tranne gli over 65 anni (da 7.205 a 6.572). “Pur restando indiscutibilmente primaria l’origine meridionale dei flussi – afferma il rapporto – si sta progressivamente assistendo a un abbassamento dei valori percentuali del Sud a favore di quelli del Nord del Paese”.

A rivelarlo il rapporto “Italiani nel mondo 2016” presentato a Roma dalla Fondazione Migrantes.

I giovani hanno una mobilità “in itinere”, che – si legge nel rapporto – “può modificarsi continuamente perché non si basa su un progetto migratorio già determinato ma su continue e sempre nuove opportunità incontrate”.

A partire di più sono i lombardi, con 20.088 espatriati, seguiti dai Veneti (10.374) e dai siciliani (9.823). Al quarto posto gli ormai ex abitanti del Lazio (8.436) e ancora Piemonte (8.199) ed Emilia Romagna (7.644). Meta preferita del 2015 la Germania, scelta da ben 16.568 cittadini italiani, a seguire, con una leggera differenza il Regno Unito (16.503) seguita con un bel distacco da Svizzera (11.441) e Francia (10.728).

Sui dati emanati dalla Fondazione Migrante è intervenuto il Presidente Mattarella: “Oggi il fenomeno degli italiani migranti ha caratteristiche e motivazioni diverse rispetto al passato. Riguarda fasce d’età e categorie sociali differenti. I flussi tuttavia non si sono fermati e, talvolta, rappresentano un segno di impoverimento piuttosto che una libera scelta ispirata alla circolazione dei saperi e delle esperienze”. Le parole, contenute in un messaggio a monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Fondazione Migrantes, continuano: “La mobilità dei giovani italiani verso altri Paesi dell’Europa e del mondo è una grande opportunità, che dobbiamo favorire, e anzi rendere sempre più proficua. Che le porte siano aperte è condizione di sviluppo, di cooperazione, di pace, di giustizia. Dobbiamo fare in modo che ci sia equilibrio e circolarità. I nostri giovani devono poter andare liberamente all’estero, così come devono poter tornare a lavorare in Italia, se lo desiderano, e riportare nella nostra società le conoscenze e le professionalità maturate”.

Anche il Premier Renzi ha rilasciato dichiarazioni riguardo questo tema: “La notizia mi ha fatto male ed è per questo che dobbiamo rendere il Paese più semplice. I ragazzi che vogliono andarsene hanno tutto il diritto di farlo, noi dobbiamo creare un clima che permetta loro di tornare” e aggiunge intervistato da Gramellini – “Lo scambio europeo è fisiologico ma siamo ancora poco attrattivi. Bisogna creare occasioni d’innovazione, ricchezza. Mi fanno paura la rassegnazione, la mancanza di entusiasmo, di grinta”.

(di Azzurra Petrungaro)

Lascia un commento

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS