Concorsi per insegnanti. Luci e ombre di un sistema complesso.

Quali i cfu necessari in vista dei concorsi a cattedra del 2018. Di questo e altro si parlerà lunedì 27 novembre con il responsabile Scuola ADI

Anni di studio alle spalle e titoli che sembrano non essere mai abbastanza. Questa la sensazione di chi, oggi, si affaccia al mondo dell’insegnamento. Dove iscriversi all’Università è diventato propedeutico all’iscrizione ai “corsi singoli”. Dove il sogno di svolgere un nobile mestiere deve fare i conti con una realtà sempre più precaria. A discapito delle famiglie che pur di vedere i propri figli “realizzati”, sono diventate veri e propri pozzi senza fondo.

Facciamo un passo indietro. Il decreto legislativo n. 59 del 13 aprile 2017 ha introdotto un nuovo percorso per la formazione iniziale e il reclutamento dei docenti della scuola secondaria di primo e secondo grado, denominato FIT (Formazione Iniziale e Tirocinio). In questo decreto si individuavano “i settori scientifico-disciplinari all’interno dei quali sono acquisiti i 24 crediti formativi universitari o accademici che costituiscono requisito di accesso ai concorsi, nonché gli eventuali costi a carico degli interessati e gli effetti sulla durata normale del corso per gli studenti che debbano eventualmente conseguire detti crediti in forma aggiuntiva rispetto al piano curricolare”.

In altre parole, per diventare docente nella scuola secondaria di primo e secondo grado oltre la laurea, anche 24 cfu nelle discipline atropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie didattiche. Pertanto le istituzioni universitarie e accademiche, in consorzio o convenzione tra loro si stanno organizzando per istituire specifici percorsi di “recupero crediti”.

Il successivo DM n. 616 del 10 agosto 2017 ha definito i settori disciplinari, gli obiettivi formativi, le modalità organizzative e gli eventuali costi a carico degli interessati per il conseguimento dei 24 CFU, specificando che i crediti aggiuntivi ed extracurricolari non possono essere conseguiti presso enti esterni al settore universitario o AFAM, neppure se in convenzione.

La scadenza per le iscrizioni al Percorso Formativo 24 CFU è prorogata fino al 15 dicembre 2017.

Per questo si è pensato a un incontro informativo, aperto alla cittadinanza, per rispondere alle domande sul percorso formativo dei 24 cfu richiesti dal nuovo sistema concorsuale. Appuntamento lunedì 27 novembre presso la sede dell’Associazione Continente Sommerso, in corso Vittorio Emanuele 53 a Palese (Bari).

A disposizione dei cittadini ci sarà Josè Stancarone, responsabile Scuola dell’Associazione Dottorandi Italiani (ADI) insieme alla consigliera del V Municipio di Bari, Elietta Noviello, promotrice dell’incontro.

(di Anna Piscopo)

 

Lascia un commento

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS