43^Forum Ambrosetti, tra economia e grandi temi internazionali

A Cernobbio il confronto sui temi internazionali, dall’economia alla Brexit passando per la necessità di supportare l’economia puntando sull’innovazione

Dal primo al 3 settembre si è tenuto il 43° Forum Ambrosetti. Nella splendida cornice di Villa d’Este a Cernobbio (Como) si sono avvicendati oratori d’eccezione, manager, ministri, premier ed esperti in quello che è considerato come uno dei punti di riferimento per l’imprenditoria non solo italiana, ma anche europea.  Con misure di sicurezza eccezionali, nel week end si sono svolti i vari interventi. Tra i relatori  Tharman Shanmugaratnam (vice premier di Singapore), Alec Ross (esperto di innovazione), Renato Mazzoncini (amministratore delegato e direttore generale di Ferrovie dello Stato Italiane), il ministro degli Esteri Angelino Alfano, l’ex premier  Matteo Renzi e il ministro dell’Economia Padoan.

Proprio l’intervento del già direttore dell’Ocse segna una nota di passaggio rispetto agli anni precedenti. la prima domanda e preoccupazione di tutta la platea riguardava l’effettiva fiducia nella crescita del PIL italiano. Per Padoan il vero nocciolo della questione è la visione del futuro che ha il Paese: secondo l’andamento dell’economia negli ultimi anni, quando questo momentum positivo si fermerà, l’economia del Paese non si limiterà a subire una battuta d’arresto, ma potrebbe regredire. Per questo che bisogna cercare di supportare il più possibile l’attuale ripresa economica, con l’aiuto di “una visione basata sull’innovazione” e di “un’unione digitale”.

Non solo economia al centro delle discussioni del forum. Tra gli altri argomenti di attualità affrontati, c’è stata la Brexit, grazie all’intervento di Niall Ferguson, docente ad Harvard e Oxford. La sua tesi sostiene che il rischio di uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea continuerà a persistere, poiché collegato alla paura dell’immigrazione e del terrorismo islamico. Lo storico, del resto, è noto per le sue forti opinioni a riguardo.

Molto mitigati invece, i toni di Matteo Salvini, leader della Lega e di Luigi Di Maio, dei 5 stelle. Forse perché in presenza di una platea internazionale, i due politici hanno usato toni molto più moderati di quelli che solitamente il pubblico italiano è abituato a sentire. Nodo di interesse degli investitori stranieri è stato l’euro e la tanto decantata uscita dalla moneta unica, di cui sia il Movimento 5 stelle che la Lega Nord risultano essere sostenitori. Le posizioni, in questa occasione, sono state entrambe concilianti.

(di Francesca Parlati)

Lascia un commento

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS