Primo incontro tra Merkel e Trump: futuro teso tra i vertici del mondo?

La tempesta di neve non frena Angela Merkel che a Washington incontra l’ex tycoon per il primo incontro ufficiale tra Germania e Stati Uniti. I temi affrontati: commercio, Nato, Russia e intercettazioni

trump mer

Angela Merkel ha incontrato per la prima volta il 17 marzo a Washington il presidente americano Donald Trump.
Il vertice – rimandato qualche giorno a causa della tempesta di neve che ha colpito la costa orientale degli Stati Uniti – è stato preceduto da un’atmosfera di incertezza senza precedenti.
Inoltre, fino a questo incontro, le relazioni fra Trump e la Merkel erano state fredde: durante la campagna presidenziale, Trump aveva accusato la cancelliera tedesca di avere commesso “un errore catastrofico” con la sua politica riguardo ai rifugiati. La Cancelliera aveva replicato con una condanna al “travel ban” imposto da Trump e poi sospeso da un giudice federale.

Un’America più forte è nell’interesse del mondo intero” ha detto il presidente americano durante la conferenza stampa con Angela Merkel. Il presidente Trump ha confermato il suo “forte supporto” alla Nato ma ha ribadito la necessità che gli alleati paghino la loro “giusta quota“.

Sul tavolo del vertice, oltre al tema centrale del commercio, i rapporti con la Russia, la questione ucraina, la Nato, il “widetapping” (ossia la presunta intercettazione voluta da Obama e cui vittima sarebbe stato proprio Trump).

Sul commercio, Trump si è detto favorevole al commercio internazionale “al commercio più giusto per tutti, non sono un isolazionista” precidando però che “negli ultimi anni gli Stati Uniti sono stati trattati in modo ingiusto“. La Cancelliera ha rilanciato: “Spero che possano riprendere i negoziati con gli Stati Uniti per l’accordo di libero scambio Ttip [il trattato di liberalizzazione commerciale transatlantico] con l’Unione europea“.

Sulla Russia e l’Ucraina: “Bisogna migliorare i rapporti con la Russia ma prima va risolta la situazione in Ucraina“, ha sottolineato la Merkel, mentre Trump ha detto di apprezzare gli sforzi della Germania e della Francia “per risolvere il conflitto in Ucraina, dove idealmente cerchiamo una soluzione pacifica“.

Sullo scandalo delle presunte intercettazioni, Trump ha scherzato con il Cancelliere tedesco (ma con scarsi risultati): “Almeno abbiamo qualcosa in comune, forse…“. Il riferimento è alle presunte intercettazioni della Trump Tower da parte di Barack Obama e la vicenda della Nsa che, durante l’amministrazione del suo predecessore, avrebbe spiato anche i telefoni della cancelliera tedesca.

Soddisfatta comunque dell’incontro Merkel: “Come avevo già detto, sono convinta che è meglio parlarsi l’uno con l’altro piuttosto che parlare gli uni degli altri“.

(Alessandra Esposito)

Lascia un commento

Basic HTML is allowed. Your email address will not be published.

Subscribe to this comment feed via RSS